GLI ANGELI NERI – Chi sono i BLACK BLOC in Egitto

Traduco in italiano la bellissima intervista di Conscious Life News del giornalista free lance Omar Cherif. Se siete interessati alla situazione dell’Egitto oggi prendetevi dieci minuti di tempo per leggere: ne vale ampiamente la pena.

“Molte persone in Egitto oggi parlano del nuovo movimento emergente dei “Black Bloc”. Chi sono, cosa fanno, cosa pensano? Dopo alcune riflessioni, ho deciso di entrare in contatto con loro per saperne di più. Come alcuni di voi sapranno, io sono uno scrittore indipendente e scrivo su tutto ciò che mi interessa e questo è esattamente il messaggio privato che ho inviato alla pagina Facebook dei Black Bloc (Ndr. egiziani). Sapevo già che non erano persone in cerca di fama o attenzione o di parlare con i media, così ho voluto mostrare loro che sono in sintonia con la loro causa. Ho mandato loro diversi miei articoli pro-rivoluzione e alcuni video che ho fatto per le manifestazioni degli egiziani in Canada.
Ho anche incluso nel mio messaggio iniziale che io sono un credente nel detto: “Se vuoi ottenere qualcosa che non hai raggiunto, bisogna che fai qualcosa che non hai fatto,” – ancora una volta l’obiettivo era quello di mostrarmi d’accordo con il loro pensiero. Due giorni dopo, la loro risposta è giunta dolce ed educata.

“Ci scusiamo per il ritardo della risposta, risponderemo a qualsiasi domanda Lei desideri, Signor Omar.”

Mi sento già importante, che bello che questi anarchici parlino con me così educatamente. E questo è stato solo l’inizio di una lunga e stimolante intervista di due ore e mezza comminciata così:

“Ok, quando è nata l’idea che sta dietro i Black Bloc in Egitto in origine, e perché?”

“E ‘stata ufficialmente resa pubblica tramite questa pagina (Ndr. di FB) il 4 gennaio 2013. E la ragione per la sua istituzione è stata ciò che è successo quando gli estremisti di destra hanno attaccato i manifestanti pacifici davanti al palazzo presidenziale, ed è partita quando ha avuto inizio l’uccisione – o la “liquidazione”, per essere più precisi con la traduzione – degli attivisti”.

Per coloro che non sono al corrente della situazione, è possibile riprendere il mio articolo della scorsa settimana, l’Egitto Infuriato.

“Abbiamo poi pensato che ci deve essere una soluzione per rimanere nelle strade a proteggere i manifestanti, e dare loro la speranza, solidarietà e tutela senza essere riconosciuti. Ed è così che è nata l’idea. ”

Prima di andare avanti, vorrei spiegare perché mi avevano già conquistato usando il termine “estremisti di destra”. Beh, di solito in Egitto, coloro a cui qui si riferiscono quelli che ho intervistato vengono chiamati Fratelli Musulmani o politici islamisti, o più colloquialmente, teppisti pro-Morsi. Ma “estremista di destra?”… Sono già impressionato.

“E, a proposito,” mi sono trovato a scrivere, “Se fossi in Egitto in questo momento sarei probabilmente sceso in piazza con voi e sarei diventato uno di voi. Anche a questa età, so che potrebbe essere utile. “

L’ho seriamente pensato molte volte nel corso degli ultimi due anni in risposta alla brutalità crescente usata dal regime, specialmente quando persone che conosco personalmente sono stati colpite durante le manifestazioni. Sono una persona che non può rimanere passiva in caso di attacco, soprattutto in risposta a una protesta pacifica. Il meno che si possa fare è difendersi e difendere la propria libertà. Questo è esattamente il motivo per cui quei giovani hanno suscitato il mio interesse.

“Sapete del movimento Black Bloc fuori dall’Egitto, e siete collegati?”

“No, non siamo stati in contatto con nessuno di loro e non li abbiamo realmente cercati.”

“Ma avete sentito di loro, naturalmente, avete visto alcuni dei loro video?”

“Sì, abbiamo visto i loro video. Non conividiamo specificamente principi o convinzioni comuni e il nostro orientamento ideologico potrebbe essere in qualche modo diverso. In noi si mescolano un pò delle loro idee assieme ad altre, mentre siamo sempre attenti a rinnovare le nostre tecniche.”
Qui mi colpì ancora una volta la loro natura di pensatori eclettici e non conformisti.

“Ok”, scrissi: “Saprai che anche in nazioni moderne ci sono infiltrati o” agenti provocatori ” che sono agenti di polizia sotto copertura semplicemente travestiti da manifestanti vestiti di nero con i volti coperti, e che causano volontariamente ulteriore caos e distruzione per dare ragione alle autorità di accusare e attaccare.” Ho anche inviato loro un link di alcuni di questi agenti catturati in una protesta in Canada.

“In realtà, i Fratelli Musulmani e la polizia lo hanno già fatto, ma noi non eravamo presenti e abbiamo negato le accuse false. (Ndr. E’ stato quando) hanno bruciato un edificio appartenente all’Autorità Ferroviaria, nonostante testimoni dal vivo abbiano visto coi loro occhi uomini con barba vestiti di nero che portavano i carichi di combustibile in direzione del palazzo prima che prendesse fuoco. Hanno anche cercato di dare la colpa a noi per l’attacco armato all’Hotel del Cairo InterContinental Semiramis, anche se abbiamo partecipato nella cattura degli assalitori e poi l’Hotel ha rilasciato una dichiarazione ringraziando i Black Bloc e rivoluzionari per il loro aiuto. E molti altri colpi bassi. ”

È possibile visualizzare il messaggio di S.O.S. su Twitter inviato dall’hotel quella notte e maggiori dettagli di questa storia qui.

“Prima di andare avanti, vi mando i miei complimenti per essere uomini veri, che stanno in piedi di fronte alla tirannide e all’oppressione. Mi avete ridato fede nell’Egitto e mi avete dato la certezza che la rivoluzione è ancora viva e vegeta. Mai perdere la speranza, perché potremmo farcela prima del previsto.”Ancora una volta, mi ritrovo a digitare, come se avessi il pilota automatico.

“Ho una domanda più specifica, un mio amico pro-rivoluzione mi ha detto che uno dei suoi amici era in Via Mohamed Mahmoud durante gli ultimi eventi, quando alcuni membri del Black Bloc stavano attaccando e ci sono stati atti vandalici contro il liceo del centro. Ha cercato di entrare nell’edificio della scuola con loro, e pare che lo abbiano rifiutato e che gli abbiano anche preso il cellulare. Anche se io personalmente non ci credo, è successo davvero? “

“La nostra filosofia non comporta attaccare scuole o ospedali, e non tutti coloro che sono vestiti di nero sono Black Bloc. Siamo in giro per proteggere i manifestanti e difenderli in caso di attacchi, e sono molti. Passiamo inosservati per le strade, proprio come tutti gli altri, senza abiti neri o maschere e diventiamo “neri” solo quando necessario. Spesso andiamo in strada per proteggere noi stessi e salvare la nostra energia. Dal momento iniziale della rivoluzione del 25 gennaio, centinaia di giovani sono stati arrestati e grazie a Dio, nessuno di loro è mai stato un vero membro Black Bloc “.

“In effetti non ci avevo creduto e vi avevo difeso – pur senza conoscere tutta la verità e pur essendo a migliaia di chilometri di distanza. Il movimento ha un leader? O come si prendono di solito le decisioni? E dove pensi che l’Egitto e la rivoluzione si stiano dirigendo?”

“La parte superiore nella gerarchia è il ‘Capo’ o il leader, e ce n’è uno per ogni gruppo. A seconda della loro importanza, le decisioni vengono prese dopo discussioni tra i “Capos ‘o con la presenza di tutti i membri. L’Egitto e la rivoluzione stanno andando verso la fine. Ma con la volontà di Dio e finché siamo vivi e in grado di muoverci, le faremo raggiungere la destinazione giusta. ”

“Ho capito che siete visibili quasi solo al Cairo e ad Alessandria, avete in programma di diffondervi in altre aree della nazione?

“Alessandria e Il Cairo sono come il corpo e l’anima del paese, ma ci sono persone che seguono il nostro pensiero anche nelle aree del Fayoum, Suez, Mansoura, Mahalla, in Sinai e in altre zone, ma per il momento si tratta di gruppi dormienti che si muovono quando necessario. Abbiamo ancora un sacco di sorprese, ma quando arriverà il momento giusto.” Oh, io amo sorprese!

“Come si può aiutare, e ci sono membri femminili nei Black Bloc egiziani?”

“Ci sono diverse cose da fare e abbiamo delle priorità. È possibile scrivere su di noi e la nostra ideologia, per far sapere chi siamo veramente e per aiutarci contro la diffamazione dei media e la deformazione che siamo esposti.

Si può aiutare con forniture mediche che vengono utilizzate negli scontri.

Si può anche aiutare con materiali di autodifesa di base come petardi.

Per quanto riguarda donazioni in denaro, non ne accettiamo da nessuno perché la gente parla sempre e possiamo così evitare il rischio di peggiorarci la reputazione.

Ci sono donne tra i membri, ma il loro ruolo negli scontri è limitato a curare i feriti e sono tenute al sicuro e lontano dal pericolo. ”

“Come vi trattano i manifestanti, e disponete di un numero certo di membri?”

“All’inizio, alcuni manifestanti non ci hanno pienamente accettato o non avevano fiducia in noi, ma ora, dopo che li abbiamo protetti e aiutati in molte occasioni, sanno che non siamo alla ricerca di violenza e ci hanno riconosciuto come una parte di loro.

I numeri sono a noi noti tramite un coordinamento tra i gruppi nelle diverse città. Ci riconosciamo l’un l’altro usando segnali di cui le persone non sono consapevoli – anche quando siamo “in nero”.”

“Ho sentito che avete minacciato tutti coloro che attaccano sessualmente le donne, che cosa hai da dire su questo, soprattutto con il recente aumento del numero di attacchi?”

“Se incontreremo di questi trasgressori ovunque in Egitto, la loro punizione sarà insolita e non avremo pietà”.

“Quali sono le fonti di notizie ufficiali in cui si pubblicano le vostre dichiarazioni? E qual è l’età media dei Black Bloc in Egitto?”

“La nostra pagina di Facebook è il nostro unico sito ufficiale. E la nostra età varia tra i 18 ei 30 anni. ”

“La nostra intervista sta volgendo al termine, anche se mi piacerebbe parlare con te un’altra volta. I membri hanno subito ferite, rapimenti o uccisioni?”

“Ci sono stati tanti infortuni, ma siamo ancora in piedi e noi andiamo avanti. Non ci sono stati arresti o sequestri di veri membri dei Black Bloc “.

“E infine un messaggio per il popolo egiziano e un altro al fascismo religioso.”

“Per il popolo egiziano, siamo i vostri figli, questo è il nostro paese e non abbiamo altro posto dove andare. Rischiamo le nostre vite affinché migliorino e affinché nessuno possa di nuovo applicare oppressione o tirannia. Noi non vi chiediamo di scendere in piazza con noi, ma almeno di usare il cervello e di conoscere la verità su di noi.

Per il fascismo religioso, imparare dal crollo dei regimi fascisti in tutto il mondo e rispettare Dio secondo la vostra religione e il vostro paese. ”

“Grazie mille, sono molto contento di questo incontro virtuale, restiamo in contatto.”

“Non c’è bisogno di ringraziare, noi siamo stati lieti di restare al servizio.”

Ancora una volta, sono rimasto colpito da quanto civilizzato e ben informato sembri essere questo gruppo di resistenza, i Black Bloc egiziani. Si conclude così la mia intervista con il Capo 2 (Capo gruppo 2) ai Black Bloc d’Egitto.

———

Altre considerazioni di Omar Cherif:

Non possiamo biasimare questi giovani per voler difendere la loro rivoluzione dirottata mentre proteggono al meglio se stessi e gli altri. Ciò che ha segnato la rivoluzione egiziana è stato il suo pacifismo, ma se alcuni giovani uomini e donne coraggiosi hanno deciso di fare un passo in più per garantire maggiore sicurezza o richieste più giusto e più veloci lasciamoli essere, tutti noi sappiamo bene che non lo fanno per se stessi. Sono passati due anni dall’inizio della rivoluzione (25 gennaio 2011), e gli attivisti vengono ancora uccisi a sangue freddo, feriti e rapiti (Ndr. si veda anche il mio post sui desaparecidos). I colpevoli non sono solo nella polizia, ma anche nelle milizie armate che questo regime autoritario sta usando per mettere a tacere l’opposizione. Pochi sanno che un’idea non può mai essere messa a tacere una volta che il suo tempo è venuto, soprattutto in un paese dove il 60% della popolazione è al di sotto dei 30 anni. I giovani hanno il diritto di sognare e costruire il proprio futuro e nessuno può portarglielo via.

Come i loro omologhi occidentali, i Black Bloc che hanno avuto origine nel 1980 in Germania, e le Pantere Nere (inizialmente il Partito Pantere Nere per l’Auto-difesa) prima di loro, i Black Bloc dell’Egitto sono emersi come conseguenza diretta della brutalità continua contro i manifestanti. L’idea di farsi legge da soli, per i propri diritti e le proprie convinzioni potrebbero non essere di gradimento di tutti, ma io personalmente lo vedo come una naturale e, probabilmente, anche una sana risposta all’ingiustizia. Dopo tutto, fino ad oggi non una sola persona è stata ritenu responsabile per l’uccisione di quelle centinaia di manifestanti dalla prima scintilla della rivoluzione due anni fa. Quindi, cosa ci aspettiamo davvero? Che non ci dovrebbe essere alcuna resistenza e dobbiamo solo aspettare, solo sperando per il meglio?

Il neo procuratore generale Talaat Abdallah ha ordinato a polizia e forze armate di arrestare qualunque membro del Black Bloc, alludendo al gruppo come fautore di “attività terroristiche” e considerandoli come anti-democratici, radicali violenti di sinistra e fuorilegge. Ma come si può arrestare un’idea o membri anonimi? Alcune persone a caso sono state effettivamente arrestate perché erano vestita di nero, quanta intelligenza!

Quindi, quei giovani pro-rivoluzione che rischiano la vita per proteggere i loro fratelli, sorelle e la rivoluzione sono etichettati come terroristi, mentre le autorità oppressive e i teppisti armati degli islamisti sono liberi di vagare per il paese e fare quello che vogliono? Alcuni di questi islamisti hanno già minacciato di attaccare Black Bloc in quanto “nemici dell’Islam” – un’accusa ripetuta a chiunque si opponga a loro o ai loro presidenti.

Naturalmente la rivoluzione deve continuare affinché andiamo oltre questa triste e ingiusta realtà. In caso contrario, perché è successo, in primo luogo, e perché abbiamo perso tante vite per la sua causa? Sicuramente non per tornare alla solita vecchia storia.

Spero con questa intervista di avere aiutato i Black Bloc a chiarire che non si tratta di un gruppo di ragazzi senza cervello o violenti che cercano di bruciare e distruggere. Sono semplicemente giovani con un diverso sistema di idee che amano il loro paese e che possiedono una nobile causa.”

Ecco il mio contributo agli angeli neri egiziani, come mi piace chiamarli. E attenzione, in caso di violenti travestiti di nero in piazza o nello schermo delle vostre TV, diffidate dalle imitazioni.

bb2


Advertisements

About Sonia Serravalli

Scrittrice (/fotografa e spirito nomade)
This entry was posted in La Rivoluzione del Popolo. Bookmark the permalink.

3 Responses to GLI ANGELI NERI – Chi sono i BLACK BLOC in Egitto

  1. Omar Cherif says:

    Thank you for the translation, that’s the beauty of being multilingual because it means more connections between the people of the world. I myself made the interview in Arabic and translated it all later. Power II The People.

  2. Nordlys says:

    Per quanto io non sia anarchica (tutt’altro) ben venga tutto ciò che può ostacolare l’islamismo e la shariah, anche nei paesi arabi. Gli egiziani sapranno poi trovare un accordo ed uscirne forti da questa storia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s