9 luglio 2011

L’EGITTO TORNA IN PIAZZA…

…e io vorrei essere là. Traduco dal quotidiano Masr Al Youm:

“Decine di migliaia di egiziani si sono radunate in Piazza Tahrir venerdì (ieri) giurando che la loro rivoluzione sarebbe continuata finchè il regime di Hosni Mubarak non sia completamente sradicato e gli assassini dei martiri della rivoluzione condannati.

Nonostante il caldo, i manifestanti hanno continuato a inondare la piazza da venerdì, proprio come hanno fatto durante i 18 giorni della rivolta che ha costretto Mubarak a dimettersi dal potere nel mese di febbraio.

Con striscioni con scritto “Una vera e propria epurazione, prove reali”, e gli slogan tra cui “La rivoluzione rimarrà finché non otterremo la vittoria”, i manifestanti hanno espresso la loro insoddisfazione per le prestazioni del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Supremo delle Forze Armate.

“Non abbiamo visto alcun cambiamento dal 25 gennaio. Abbiamo ancora lo stesso regime. Noi vogliamo cambiamento, non solo riforme, ” ha detto ad Al-Masry Al-Youm dalla piazza Wael Ismail, 46 anni, responsabile delle risorse umane con una società privata.

“I resti del regime di Mubarak devono essere tenuto lontano dalla vita politica”, un predicatore musulmano vestito con un abito tradizionale e turbante ha detto alla folla da sopra un palco eretto nel cuore della piazza.

“Dovremmo avere processi equi e rapidi. Tutti coloro che sono accusati di aver ucciso i manifestanti o accusati di crimini di altri dovrebbe essere tenuti in custodia fino a quando un verdetto non verrà emanato”, ha aggiunto l’imam, rivolgendosi a migliaia di manifestanti che stavano in fila per ascoltare il suo sermone prima di eseguire la preghiera congregazionale del venerdì. (NDR: In realtà, i colpevoli non solo non sono ancora stati arrestati, ma addirittura continuano a lavorare e a percepire uno stipendio).

La protesta di oggi arriva sulla scia del crescente disincanto con i processi in corso per i funzionari, tra cui l’ex ministro degli Interni Habib al-Adly, i suoi collaboratori e funzionari di polizia implicati nella morte di almeno 846 manifestanti durante la rivoluzione. Suez è scoppiata con un’indignazione pubblica dopo che un tribunale criminale ha ordinato la scarcerazione di sette ufficiali su cauzione la scorsa settimana. La decisione ha provocato le famiglie delle vittime ed è culminata in scontri violenti con la polizia.

Molti sono frustrati per il lento processo di Mubarak, i suoi figli e colleghi che sono stati detenuti per aver ucciso manifestanti e per abuso d’ufficio. Nei giorni scorsi, molti commentatori hanno attribuito il ritmo del processo all’influenza di giudici corrotti che avevano forti legami con il regime di Mubarak. Solo ieri, un pubblico ministero egiziano denuncia 25 sospetti tra cui assistenti di spicco di Mubarak come Safwat al-Sherif e Fathi Sorour – inviati al tribunale penale con l’accusa di omicidio relativa alla cosiddetta “Battaglia del Cammello”(il 2 febbraio, i sostenitori di Mubarak hanno fatto irruzione nella piazza a cammello e a cavallo, attaccando i manifestanti).

“Sono qui perché non posso tacere sulle ingiustizie”, ha detto Abdel Hamid Zayd, 34 anni, insegnante di arabo al Cairo che ha viaggiato dalla provincia Delta di Damietta per partecipare alla protesta. “Il sangue di queste persone [martiri] non deve essere stato inutile. Tutti gli sforzi esercitati neanche. La corruzione non deve persistere “.

Mohamed Ibrahim, 30 anni, insegnante, ha detto: “Vogliamo tre cose: Mubarak ei suoi uomini dovrebbero essere processati in pubblico, il Ministero dell’Interno dovrebbe essere ripulito, e gli agenti di polizia accusati di aver ucciso i manifestanti non devono andare a lavorare fino a quando il tribunale decida sui loro casi “.

Il Ministero dell’Interno è soggetto a dure critiche dopo che le forze di sicurezza  si sono scontrate con i manifestanti in Piazza Tahrir, il 28 e 29 giugno scorsi, utilizzando gas lacrimogeni e proiettili di gomma, momenti che hanno ricordato la violenza della polizia durante i primi giorni della rivoluzione.

Da allora, le forze politiche hanno parlato categoricamente della necessità di rinnovare il Ministero e liberarlo degli elementi leali a Mubarak. Gli attivisti anche colto l’occasione per lamentarsi degli ufficiali di polizia che sono ancora in servizio attivo anzichè affrontare un processo per accusa di omicidio.

“Se lo SCAF (Esercito) e il Consiglio dei Ministri non rispondono a queste esigenze, sono pronto a rimanere qui per 12 mesi a partire da oggi,” ha promesso Ibrahim.”

Sul canale di Suez lavoratori sottopagati protestano e scioperano da mesi, tenendo ferme navi siriane e altri traffici internazionali. Sono uomini che devono mantenere intere famiglie con uan media di 100 euro al mese.

C’è poi un articolo di oggi che titola: Egitto, rivoluzione ovunque. Se lo aprite potrete vedere anche belle immagini recenti. Qui si racconta che da ieri sono di nuovo scese in piazza migliaia di persone anche nelle città di Alessandria, Port Said, Ismailia, Suez, Beheira, Assiut, Monufiya, Gharbiya, e a Piazza Tahrir come in altri luoghi del territorio egiziano l'”occupazione”/sit-in della gente continuerà ad oltranza finchè le loro richieste non saranno soddisfatte.

Che ci sia, qui, per noi, qualcosa da imparare?

Advertisements

About Sonia Serravalli

Scrittrice (/fotografa e spirito nomade)
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s