13 maggio 2011

UNITY DAY IN EGYPT

Incomincio con queste parole, sperando che leggiate fino in fondo: “Il teppismo si distingue come uno dei lasciti più noti del regime dell’ex presidente Hosni Mubarak”(Noha El-Hennawy).

Al Cairo oggi è stata proclamata la giornata dell’Unità, e migliaia di persone sono di nuovo scese in piazza per reclamare e mostrare al mondo l’unità esistente tra musulmani e cristiani nel paese, contro gli scontri che sei giorni fa hanno avuto luogo tra qualche centinaio di persone fuori controllo tra le due “fazioni”. Questi episodi rischiano di rovinare le conquiste ottenute insieme dalla rivoluzione, il popolo lo sa e reagisce tornando a manifestare unito e i giornali arabi pubblicano diverse supposizioni su chi possa celarsi dietro questi disordini. Pubblicherò di seguito un articolo di Al Masry Al Youm (quotidiano egiziano) di qualche giorno fa, tradotto da me in italiano, per dare un’idea dell’analisi di cui non si parla qui in Italia (il grossetto è mio).

Nel frattempo, oggi si manifesta e si festeggia anche per il recente accordo raggiunto da Hamas e Fatah per una Palestina unita, a un giorno dalla data storica della fondazione di Israele (il Primo Ministro israeliano Ben Gurion impose al Consiglio di Stato provvisorio israeliano di proseguire in una politica di totale indipendenza da ogni forma di mediazione esterna, e il 14 maggio lesse la Dichiarazione d’indipendenza dello Stato ebraico in Palestina – Medinat Israel – senza nessuna indicazione dei confini, lasciando così aperta la possibilità di espansione oltre la linea stabilita dalle Nazioni Unite).

I cristiani copti nel frattempo restano accampati davanti agli edifici della TV di Stato da sabato scorso, protestando contro il governo provvisorio (l’esercito) non abbastanza duro, e pretendendo la cattura e il processo dei responsabili delle vittime degli ultimi scontri avvenuti nella zona del Cairo chiamata Imbaba. Fonti egiziane mi fanno presente che musulmani e cristiani hanno convissuto in pace per millenni, e, chissà perché, questi scontri settari si sono verificati a partire dagli ultimi 30 anni…

Qui qualche interessante informazione sul movimento salafita.

A voi l’articolo del 10 maggio 2011 da Al Masry Al Youm (la stessa giornalista il giorno dopo ha scritto della scoperta di infiltrati teppisti tra le cause scatenanti di suddetti disordini), un articolo che ritengo chiarificatore ed esauriente:

Le relazioni tra salafiti e militari in Egitto pongono interrogativi
“Mentre la violenza settaria imputata alla linea dura dei musulmani salafiti continua a salire, molti stanno esprimendo aspre critiche al Consiglio Supremo delle Forze Armate (SCAF) e il suo governo di transizione, accusandoli di non applicare la legge per quanto riguarda i radicali.”La reazione è stata condotta molto male”, ha detto Mostafa Kamel al-Sayed, professore di scienze politiche all’Università del Cairo. “Lo SCAF e il governo hanno adottato strategie che possono solo portare a ulteriori problemi”.

Sabato scorso, alcuni scontri sono scoppiati nel quartiere di Imbaba, presumibilmente dopo che un gruppo di musulmani salafiti ha tentato di entrare in una chiesa sotto il pretesto di salvare una donna tenuta prigioniera. Molti sostengono che la donna si sia convertita dal Cristianesimo all’Islam, e da allora fosse tenuta prigioniera dalla Chiesa copta. Pietre, bottiglie molotov e proiettili sono stati lanciati in una battaglia che ha lasciato almeno 12 morti, più di 200 feriti e una chiesa locale in fiamme.

Questa faida rappresenta l’episodio più violento in una serie di scontri settari dopo la cacciata di Hosni Mubarak a febbraio. Alcuni accusano i resti del regime di Mubarak salafiti di utilizzare tali rotture come strumento per creare spaccature interne. Altri, nel frattempo, considerano la violenza settaria come un esito naturale di un ordine pubblico indebolito e una cultura profonda di intolleranza.

Una fonte militare afferma nell’edizione araba di Al-Masry Al-Youm il lunedi che le forze armate avevano ottenuto le informazioni su un complotto per gettare il paese nella guerra civile attraverso la provocazione di faide settarie.

Gli autori della trama sono i resti del precedente regime, in particolare il disciolto Partito Nazionale Democratico, secondo la fonte, che ha aggiunto che il regime mira a diffondere il caos e sabotare la rivoluzione.

Domenica, la polizia militare ha dichiarato la detenzione di 190 persone coinvolte nei disordini, e il loro deferimento alla procura militare.

“L’esercito dovrebbe indagare su tutti i precedenti crimini settari e sanzionare i colpevoli”, ha detto Sayed, aggiungendo che lo SCAF deve impegnarsi più fortemente per la tutela della libertà di credo di tutti i cittadini.

Ai primi di marzo, i radicali sono stati accusati di demolizione di una chiesa in Atfeeh, una zona rurale a sud del Cairo. Invece di portare i colpevoli alla giustizia, i militari hanno cercato di contenere le tensioni confessionali con l’invio del salafita sceicco di spicco Mohamed Hassan nel territorio, facendolo predicare la coesistenza.

A metà aprile, salafiti sono stati nuovamente incolpati per l’incitamento di una protesta in provincia di Qena Egitto, che aveva continuato per più di dieci giorni. I manifestanti chiusero linee ferroviarie principali della città per protestare contro la nomina di un governatore cristiano. Lo Stato, rappresentato dai militari e il governo ad interim, alla fine ha ceduto alle pressioni locali e ha deciso di sospendere il mandato del nuovo governatore (Ndr. in questo caso altre informazioni dal luogo mi dicono che non c’entrasse proprio nulla che il governatore fosse cristiano, ma che il vero problema erano le sue connivenze con l’ex regime, e ne ho scritto anche nel post precedente).

In precedenza, salafiti sono stati accusati di tagliare l’orecchio di un uomo copto a Qena. Ancora una volta, invece di mettere sotto processo gli aggressori, i militari hanno preferito mediare per una riconciliazione informale tra loro e la vittima.

“Ciò che è successo in Imbaba è una prova per il Consiglio Supremo delle Forze Armate”, ha detto Kamal Karima, editorialista cristiano, sostenendo che è tempo che i militari applichino la legge con fermezza contro gli aggressori e che si fermi il ricorso a soluzioni obsolete.

“I militari avrebbero dovuto essere fermi dalla prima violazione. Nessuno degli incidenti è stato trattato in modo lecito. Hanno cercato di calmare le acque, portando predicatori a parlare con salafiti o mediante le riconciliazione abituali. Siamo tornati 100 anni indietro nel tempo, a quando non c’era ancora stato,” ha detto.

Eppure, sembra che la violenza di Imbaba stia costringendo i militari a cambiare la loro strategia. Domenica scorsa, il governo ha annunciato che 190 sospetti sono stati arrestati. […]

“Lo svolgersi degli eventi dovrebbe costringere i militari a prendere una posizione chiara [nei confronti dei salafiti]. Vi è una chiara violazione della sicurezza “, ha detto lo sceriffo Younis, uno storico l’Università di Helwan.

Negli ultimi decenni, il termine “salafita” è stato usato per etichettare gruppi che sostengono una lettura letterale dell’Islam e cercano di far rivivere lo stile di vita dei primi musulmani Salafor. In Egitto, il salafismo è più una scuola di pensiero, piuttosto che un’organizzazione con una gerarchia.

Le radici della scuola si trovano in Arabia nel wahabismo, che emerse nel 18 ° secolo nella penisola arabica. Dal 1970, l’Arabia Saudita è stata la fonte di diffusione di idee fondamentaliste, come in Egitto, esportando libri di radicali e il finanziamento di talune attività salafite. Anche egiziani che lavorano nel Golfo e poi tornano in Egitto hanno contribuito a diffondere tali opinioni.

Sotto Mubarak, i salafiti hanno generalmente mantenuto un profilo basso e sono rimasti fuori dalla politica, anche se sono stati utilizzati dal precedente regime per contrastare la “Fratellanza Musulmana”.

Durante la rivoluzione del 25 gennaio, gli studiosi salafiti denunciarono le proteste come non islamiche e misero in guardia contro i giovani musulmani impegnati nella rivolta, ma la loro linea dura divenne visibile solo una volta che Mubarak e il suo apparato di sicurezza furono caduti. […] Alcuni sono andati oltre, annunciando la formazione di partiti politici di concorrere alle elezioni parlamentari in programma per settembre.

Alcuni osservatori sostengono che l’improvvisa comparsa di salafiti sia orchestrata dall’Arabia Saudita, che cerca di interrompere la rivoluzione egiziana per timore che lo stesso modello rivoluzionario venga riprodotto sul suo suolo.

Younis si aspetta che dopo l’incidente di Imbaba, l’esercito infliggerà un duro colpo a tali gruppi radicali. Tuttavia, esprime il timore che i militari, dando il via libera a uno sradicamento dei salafiti, potrebbero minacciare le prospettive di una transizione verso un governo democratico civile.

“Se l’esercito li colpisce e viene applaudito dalla classe media e gli intellettuali, i militari acquisiranno un ruolo maggiore nella politica d’Egitto”, ha detto Younis. “Questo significherebbe che l’esercito è la forza che merita di governare.”

Dal momento che Mubarak si è dimesso, l’esercito ha affermato il suo impegno a instaurare una democrazia civile. Eppure, gli scettici rimangono preoccupati che lo SCAF potrebbe appoggiare un candidato militare alla presidenza prima della elezioni presidenziali fissate per dicembre.

Con una logica simile, il regime di Mubarak passato molti anni a stabilire e consolidare la sua legittimità. Nel 1990, laici, liberali e copti si riunirono dietro di lui per combattere i gruppi armati islamici. Tale sostegno ha permesso di costruire uno Stato di polizia draconiano che viola i diritti umani con il pretesto di sconfiggere gli avversari islamici. Dopo essere riuscito a fermare il terrore, Mubarak ha portato avanti il suo regime come unico custode contro il riemergere di gruppi violenti. Allo stesso tempo, ha attuato le stesse strategie famigerate contro l’opposizione pacifica.

Eppure, Kamal Zakher, un altro giornalista copto, minimizza i timori di uno scenario del genere si ripetano. “Non abbiamo mai chiesto la frantumazione di questi gruppi con la forza o con misure extra-legali. Chiediamo solo l’attuazione della legge “, ha detto Zakher. “I gruppi salafiti minacciano non solo lo Stato come entità politica, essi minacciano anche la nazione nel suo complesso”.

Zakher ritiene  inutile una critica ai militari. “Non posso chiedere ai militari di agire al di là delle loro possibilità,” ha detto. “L’esercito non è addestrato a gestire la politica locale”.

Invece di criticare le prestazioni dello SCAF, ai generali dovrebbe essere richiesto di tornare in caserma il più presto possibile e di potere formare un temporaneo Consiglio Presidenziale Civile fino a quando si svolgeranno le elezioni, ha aggiunto Zakher.

Tale soluzione è stata avanzata da molti attivisti e intellettuali liberali negli ultimi mesi, ma i militari la hanno finora ignorata, insistendo sul mantenimento del timone dello Stato fino a che le elezioni parlamentari e presidenziali avranno avuto luogo nel corso dell’anno.”

Inoltre, sempre parole sue:
“”Il tipo di armi usate, comprese le munizioni, e il modo in cui  il cocktail di molotov sembrava preparato in precedenza, dimostra che l’incidente è stato premeditato“, ha detto Hafez Abou-Saeda, segretario generale dell’Organizzazione egiziana per i diritti umani e membro della Commissione. […]. Il teppismo si distingue come uno dei lasciti più noti del regime dell’ex presidente Hosni Mubarak. Migliaia di ex detenuti e delinquenti erano abitualmente utilizzati dall’apparato di sicurezza di Mubarak e l’ormai disciolto Partito Nazionale Democratico (NDP) per schiacciare gli oppositori politici durante le elezioni e alle manifestazioni.”
Advertisements

About Sonia Serravalli

Scrittrice (/fotografa e spirito nomade)
This entry was posted in La Rivoluzione del Popolo. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s