9 aprile 2011

TAHRIR, LA RISCOSSA

Egitto: nei giorni scorsi viene denunciato un altro arrestato, il primo dopo la caduta di Mubarak, di un blogger, per aver scritto un articolo contro l’esercito, in cui denuncia che non sia vero che popolo ed esercito siano “una mano sola”, come recitano da oltre un mese cori e striscioni. Questo Michael, a torto o a ragione, ha denunciato che l’esercito abbia fornito armi alla polizia per sparare sulla folla il 28 gennaio e salvare così la propria reputazione. In realtà, gli attivisti di arresti nel periodo del nuovo Egitto post-Mubarak ne denunciano 5.000.

Per questo, e per altri 8 punti, ieri il popolo aveva preannunciato, poi ha rispettato, la mobilitazione di massa più grossa in Piazza Tahrir da quella del 18 febbraio, con la determinazione di rimanere anche la notte durante il coprifuoco (ora dalle 2 alle 5 a.m.). Nel frattempo, gli egiziani hanno scoperto che tutti gli introiti del Canale di Suez andavano esclusivamente alla famiglia del rais, e che l’Egitto possiede sia oro che petrolio di cui la popolazione non era nemmeno a conoscenza. Altre richieste di piazza sono il processo immediato a Mubarak e famiglia e lo scioglimento dell’ancora esistente partito dell’ex regime (Nazionale Democratico). Il venerdì, l’Egitto e gli altri Paesi arabi si riaccendono con rinnovato vigore. A Tahrir, 8 militari si sono uniti al popolo, e alle 3 a.m. l’esercito ha iniziato a intervenire e sparare cercando di disperdere i dimostranti. A quest’ora di sabato mattina, si parla di qualche ferito e forse qualche decesso, si vedono immagini di qualche edificio e auto a fuoco, ma dal Sinai per ora non sappiamo nulla di più. Attendo notizie che pubblicherò più tardi o domani. Intanto, qui a Dahab un amico argentino è stato assalito (senza danni) da due beduini alle 4 di mattina, i soliti furbi che approfittano dell’attuale carenza di struttura e di polizia (tutta da riorganizzare) nel Paese.

In questi giorni su Facebook qui si passano tutti le foto della villa da favola in cui Mubarak risiede come in paradiso agli arresti domiciliari (con accesso a internet) a Sharm El Sheikh. Una piscina costruita dentro il mare a distruggere la barriera corallina. Previsto per il prossimo venerdì il finto processo (mock trial) a Mubarak con condanna alla pena capitale, appuntamento in Piazza Tahrir, e se mi faranno passare sarò là.

Advertisements

About Sonia Serravalli

Scrittrice (/fotografa e spirito nomade)
This entry was posted in La Rivoluzione del Popolo. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s