3 marzo 2011

I PACIFICI GUERRIERI

Oggi si è finalmente dimesso il Primo Ministro Ahmed Shafiq, designato da Mubarak. I pacifici guerrieri egiziani ce l’hanno fatta di nuovo.

Da Dahab ho pensato ai ragazzi che ho incontrato in Tahrir, i loro cori contro di lui, e la loro gioia oggi.  Uno di loro mi chiama per chiedermi se domani ci vediamo nella piazza del Cairo… In realtà, non me ne sono mai andata da là, perché da certi posti non te ne vai mai.

Intanto, ho prenotato il mio volo di ritorno in Italia ad aprile (Egipt Air – facciamo lavorare l’Egitto…). Che c’entra con le notizie di attualità? – direte. C’entra perché la bandiera egiziana non è più il timbro di una nazione, ma il simbolo del popolo che si ribella – la stanno usando ovunque anche in Libia. C’entra perché Piazza Tahrir non è più “piazza liberazione” solo per gli arabi, ma è l’essenza di un sogno che ho vissuto e che mi si installerà dentro come un mal d’Africa potente non appena salirò su quell’aereo. C’entra perché ci ho messo due giorni a premere quel bottone. E l’ho fatto per non legarmi a nulla, come sempre, perché il viaggio rimanga viaggio e non si trasformi in ancora; perché i miei sentimenti non si limitino a razza, luogo od occasione; perché le radici che mi interessa curare crescono dentro, assorbendo i movimenti del mondo, come quello della lezione appresa qui da sorrisi e morti sulle piazze d’Egitto, dalla purezza che ho visto nell’ondata giovanile, dalla freschezza di chi prende in mano la propria vita per la prima volta. Come mi sembrerà, il mio Paese pseudo-libero e occidentale, dopo? Certo le cose stanno cambiando molto velocemente, certo ci sarà molto da fare. Ma una cosa è sicura: non darò più per scontato quello che altri molto prima di noi hanno conquistato per noi con la vita – e per questo qualcosa lotterò, con la pace e con la resistenza.

(Cairo, foto di Sonia Serravalli)

Advertisements

About Sonia Serravalli

Scrittrice (/fotografa e spirito nomade)
This entry was posted in La Rivoluzione del Popolo. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s